top of page

ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PRATICANTI NOTAI

 

 

PRATICA ORDINARIA - REQUISITI PER L’ISCRIZIONE:

  • LAUREA in giurisprudenza o laurea specialistica o magistrale in giurisprudenza;

  • iscrizione all’ULTIMO ANNO DELLA LAUREA.

Al conseguimento del titolo accademico il praticante è tenuto a informare la segreteria producendo autocertificazione ai sensi del D.P.R. 445/2000.

Il periodo di pratica si deve comunque completare entro trenta mesi dall'iscrizione nel Registro dei Praticanti; in caso di scadenza del suddetto termine il periodo effettuato prima del conseguimento della laurea non è computato.

Il periodo anteriore al conseguimento della laurea può essere computato, ai fini del raggiungimento dei diciotto mesi di pratica, per un massimo di sei mesi, indipendentemente dalla sua effettiva durata.

 

Per lo svolgimento della pratica notarile in concomitanza con l'ultimo anno del corso di laurea si ricorda che:

 

Gli studenti iscritti al corso di laurea in giurisprudenza successivamente al 24 gennaio 2012 potranno svolgere la pratica notarile ante lauream come da Convenzione Quadro tra il Ministero della Giustizia, Ministero dell’Università e della Ricerca e Consiglio Nazionale del Notariato siglata il 12 ottobre 2022.

DOCUMENTI DA PRESENTARE

  1. DICHIARAZIONE DI CONSENSO di un notaio del Distretto a svolgere la pratica presso il proprio studio con marca da bollo di Euro 16,00, ai sensi dell'art. 6 n. 5 R.D. 1326/1914. Il notaio deve avere almeno cinque anni di anzianità di iscrizione all’Albo e non avere più di tre praticanti, compreso quello iscrivendo (art. 6, 3° comma, del D.P.R. 7.8.2012, n.137);

  2. AUTOCERTIFICAZIONE ai sensi del D.P.R. 445/2000 del titolo di studio (i laureandi dovranno allegare autocertificazione ai sensi del D.P.R. 445/2000 che attesti di essere in possesso delle condizioni per l'ammissione, così come previsto dall'art. 2 della citata Convenzione);

  3. Fotocopia fronte/retro del proprio DOCUMENTO D’IDENTITA’

  4. DOMANDA DI ISCRIZIONE alla PRATICA ORDINARIA (in marca da bollo di Euro 16,00)

 

PRATICA ABBREVIATA - REQUISITI PER L’ISCRIZIONE

 

Sono ammessi al beneficio della pratica abbreviata:

 

• gli AVVOCATI IN ESERCIZIO da almeno un anno (art. 5, comma 5, L. 89/1913), previa produzione di un certificato del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati in bollo (Euro 16,00) attestante l’iscrizione all’Albo nonché l’effettivo esercizio della professione; se l’Ordine degli Avvocati non rilascia documentazione idonea ad attestare l’effettivo esercizio dell’attività di avvocato, spetta all’interessato presentare, unitamente al certificato di iscrizione all’Albo, idonea documentazione comprovante l’attività forense (vedi modulo pratica abbreviata);

  • coloro che sono stati “FUNZIONARI DELL’ORDINE GIUDIZIARIO” almeno per un anno (art. 5, comma 5, L. 89/1913); i soggetti interessati dovranno produrre un certificato rilasciato dalle autorità competenti e comprovante tale requisito;

  • coloro che sono in possesso del DIPLOMA POST-UNIVERSITARIO, conseguito presso le SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI (art.17, comma 114 L. 127/1997 e D.M. 475/2001); i soggetti interessati dovranno compilare il modulo per la pratica abbreviata e produrre autocertificazione ai sensi del D.P.R. 445/2000 attestante il conseguimento del suddetto diploma;

  • coloro che hanno compiuto un periodo di FORMAZIONE TEORICO-PRATICA della durata di diciotto mesi presso gli UFFICI GIUDIZIARI dovranno produrre certificato, rilasciato dalle competenti autorità, comprovante l'esito posito del tirocinio formativo.

DOCUMENTI DA PRESENTARE

Oltre ai documenti elencati ai numeri 1, 2 e 3 della pratica ordinaria, deve essere presentata la domanda di iscrizione alla pratica abbreviata.

INFORMAZIONI VARIE

  • la durata della pratica notarile ordinaria è di 18 mesi; la durata della pratica notarile abbreviata è di 8 mesi (art. 5 n. 5 della Legge Notarile n. 89 del 1913) o di 6 mesi (D.M. n. 475 dell' 11 dicembre 2001 - art. 73, 1° comma, D.L. n. 69 del 21 giugno 2013, convertito con Legge n. 98 del 9 agosto 2013);

  • certificati di frequenza: a partire dalla data di inizio, allo scadere di ogni bimestre in caso di  pratica ordinaria, di ogni mese in caso di pratica abbreviata e al termine del tirocinio ante lauream, il praticante è tenuto a presentare al Consiglio Notarile un certificato in bollo (da Euro 16,00) del notaio, attestante l'effettivo svolgimento della pratica. “La pratica deve essere effettiva e continua. Per proseguirla in caso d'interruzione, il praticante deve far constatare al Consiglio Notarile i motivi per i quali la interrompe; e, qualora siano stati riconosciuti a lui non imputabili, gli sarà tenuto conto della pratica fatta precedentemente.” (Art. 8, 2° comma R.D. 10.09.1914, n. 1326);

  • nel caso di continuazione della pratica presso altro notaio del nostro Distretto o presso un notaio iscritto in un altro Distretto, contattare in anticipo la segreteria del Consiglio e chiedere informazioni più dettagliate sulla procedura da seguire; idem nell'ipotesi d'iscrizione di praticanti provenienti da un altro Distretto, dove hanno già compiuto parte del periodo di pratica notarile.

bottom of page